Emergenza COVID-19 in Repubblica Democratica del Congo | News

REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

L’INTERVENTO DI INTERSOS

 

Abbiamo sviluppato 3 nuovi progetti per far fronte al COVID-19 e abbiamo integrato in tutti i progetti in corso ulteriori attività in risposta al COVID-19. Forniamo supporto alle strutture sanitarie con training e formazione sulle misure di preparazione e risposta al COVID-19, svolgiamo attività di sensibilizzazione nelle comunità e distribuiamo kit igienici. Garantiamo inoltre assistenza economica straordinaria a chi ha bisogno di denaro per poter reperire beni primari.

HIGHLIGHTS

11.000

persone raggiunte dalle attività di sensibilizzazione e coinvolgimento della comunità

4.974

persone che hanno beneficiato di assistenza in denaro per l’emergenza COVID-19

CONTESTO

 

In Repubblica democratica del Congo non ci sono abbastanza test per avere dati precisi. Inizialmente l’epidemia ha toccato 7 province: Kinshasa, North Kivu, South Kivu, Kwilu, Haut Katanga e Kongo Central 2. Nel mese di giugno il trend dei contagi è in aumento e altre zone del paese sono state colpite. Dall’inizio dell’epidemia i contagi in Repubblica democratica del Congo sono oltre 7.000. Considerato l’assetto del paese, è altamente probabile che la gestione del COVID-19 avvenga localmente e le misure siano diverse da luogo a luogo. Se l’epidemia di Ebola ad est è finalmente finita, nella parte occidentale del Paese sono stati registrati  circa 180 casi. Il sistema sanitario è sovraccarico e ci sono crescenti lamentele sulla mancanza di una risposta adeguata sia per Ebola che per il COVID-19. A causa dell’insicurezza di alcune aree,  l’accesso ai servizi sanitari è limitato. Inoltre, i numerosi spostamenti della popolazione aumentano la complessità nel fornire assistenza sanitaria di qualità e per garantire la riduzione del rischio di trasmissione. Le aree più vulnerabili sono le province orientali (Nord-Kivu, Ituri, Sud-Kivu, Tanganica) e la regione di Kasaï, dove la presenza di rifugiati, sfollati interni e persone a basso reddito che vivono in aree urbane sovraffollate è altissima.

LEGGI ANCHE