Intersos e Atlante dei conflitti e delle guerre nuovi compagni di strada

L’Atlante dei conflitti e delle guerre nel mondo ha un nuovo compagno di strada. E non da poco. Si tratta della maggiore Ong italiana che opera nel campo delle emergenze, Intersos, che da oggi avvia una stretta collaborazione con il team dell’Atlante. Una sinergia importante per entrambe le realtà, che riguarda, peraltro, sia l’edizione cartacea (la IX° edizione – ora in preparazione – che sarà pubblicata a settembre 2019), sia il sito, fin da subito. Altre iniziative comuni, e quanto mai interessanti, sono in cantiere, ma ne daremo notizia al momento opportuno.
A questa notizia, con la quale in un certo senso si ufficializza la partnership, ne seguiranno presto altre, dai 18 Paesi nei quali opera Intersos, che sono altrettante situazioni di conflitto o di emergenza umanitaria acuta.
La grande Ong italiana, infatti, è l’unica del nostro Paese a occuparsi in modo specialistico ed esclusivo di emergenze: dove una crisi si crea, dove si acutizza, Intersos c’è. Questa peculiare caratteristica dell’organizzazione non governativa rende facilmente comprensibile il fatto che fosse quasi inevitabile che L’Atlante e Intersos si cercassero, e che le loro strade fatalmente di incrociassero: il sito e l’edizione cartacea dell’Atlante si occupa, di fatto, di tutti i Paesi nei quali opera l’Ong.
«La collaborazione», spiega Raffaele Crocco, direttore dell’Atlante, «non fa che rendere sistematico e strutturato un flusso informativo di cui, da un lato, Intersos aveva già un ingente patrimonio e un enorme potenziale da offrire: i suoi operatori sono là, sul terreno, nelle situazioni di tensione, di crisi umanitaria, di guerra aperta. Sono testimoni diretti e “voce” potenziale di ciò che sta accadendo. Non solo: ma il loro punto di vista ideale sugli accadimenti è proprio quello dell’Atlante, ossia lo sguardo sui conflitti e sulle emergenze del pianeta con un’attenzione prioritaria verso chi questi conflitti e queste emergenze subisce, alle vittime, agli sfollati, ai civili che vedono la loro vita stravolta da eventi che non hanno voluto né deciso; inoltre, è comune la volontà di raccontarli con l’ottica di chi si batte perché questi conflitti e queste emergenze non vi siano più. L’Atlante scrive delle guerre perché un giorno l’Atlante non sia più necessario. Anche raccontare l’insensatezza e le atrocità dei conflitti può e deve aiutare a costruire una cultura di pace».
«Oltre alle ragioni ideali, poi», sottolinea Crocco, «la collaborazione con Intersos rappresenta per la redazione dell’Atlante un passo ulteriore per rendere più solida ed efficace la struttura che lavora per rendere il sito più ricco e tempestivo e la pubblicazione cartacea più completa e di qualità. Quindi un connubio dalle grandi prospettive e potenzialità».
«Intersos è estremamente contenta di questa collaborazione», commenta Konstantinos Moschochoritis, segretario generale della Ong italiana. «L’Atlante delle guerre è una realtà che ci è sempre piaciuta e che abbiamo seguito con attenzione fin dalla nascita dieci anni fa (conservo ancora nel nostro archivio la prima edizione). È sempre stata una pubblicazione molto bella e importante. Da parte nostra cercavamo da tempo un “veicolo” attraverso il quale far passare il nostro messaggio. Sentivamo l’esigenza di un appuntamento annuale che potesse essere insieme di sensibilizzazione, culturale, di approfondimento. Non abbiamo avuto necessità di crearlo, perché l’Atlante esisteva già. Aggregarci al suo team e collaborarvi è la scelta più vincente ed efficace. È una sinergia molto naturale».
«Da parte nostra e d’ora in avanti», conclude Moschochoritis, «c’è la volontà e l’impegno di dare il nostro umile contributo. Lavoriamo ogni giorno nelle più grandi e gravi crisi belliche e umanitarie. La nostra caratteristica è essere in prima linea. Crediamo perciò di poter fornire notizie e informazioni utili, sia al sito che alla pubblicazione annuale, ad arricchire e rendere più completa la trattazione delle schede conflitto, degli approfondimenti, dei reportage. Crediamo che sia particolarmente importante in questo momento storico, di grande crisi valoriale. Supportare questo strumento, offrendo il nostro piccolo contributo e la testimonianza di ciò che i nostri operatori vedono e vivono sul terreno crediamo sia un elemento molto positivo. Non vogliamo fare da soli. Vogliamo fare questo con altri, che già lo fanno e lo sanno fare bene».

Stefania Donaera
Stefania Donaera
Press Officer, INTERSOS

ULTIME NOTIZIE

ISCRIVITI