Colombia | INTERSOS

COLOMBIA

L’INTERVENTO DI INTERSOS

La vicinanza con il Venezuela in piena crisi umanitaria e un conflitto armato non del tutto alle spalle, fanno sì che la Colombia veda aumentare continuamente il numero di sfollati interni, rifugiati e migranti. INTERSOS ha deciso rafforzare la sua presenza nella regione e nello specifico in Colombia con due progetti che puntano a supportare direttamente la popolazione, sia a livello economico che legale e psicosociale. Il primo prevede un intervento transfrontaliero tra Venezuela, Ecuador e Colombia nei settori della protezione, della salute primaria e dell’accesso ad acqua e servizi igienici di base. Il secondo interviene sul territorio colombiano garantendo l’accesso all’acqua potabile e a servizi igienico-sanitari attraverso l’assistenza in denaro e voucher multiuso per la popolazione vulnerabile colpita dalla crisi interna.

Lavoriamo in Colombia dal 2020.

HIGHLIGHTS

PROTEZIONE

DISTRIBUZIONI E RIPARI D’EMERGENZA

ACQUA E IGIENE

CONTESTO

La complessa e protratta crisi umanitaria che interessa il Venezuela dal 2014 ha generato uno dei più grandi esodi mai visti nella storia dell’America Latina, e ha reso la Colombia il paese che ne ha subito più di tutti le ripercussioni. È previsto che nel 2021 2,4 milioni di rifugiati venezuelani raggiungeranno la Colombia, un aumento di 600 mila rispetto al 2020. La crescita attesa nei movimenti di migranti e rifugiati, unita all’impatto largamente regionale della crisi, ha già costretto questa fascia della popolazione a dover fare affidamento sull’aiuto delle associazioni umanitarie in tema di salute, servizi igienici, soluzioni abitative, beni essenziali e servizi di tutela e protezione. L’aggravamento della situazione colombiana, legato al conflitto interno, mette ancora più a rischio rifugiati e migranti irregolari che non hanno accesso a servizi sanitari di base e che non possono accedere al mercato del lavoro. A causa del parziale fallimento degli accordi di pace del 2016, la Colombia ha registrato anche un graduale incremento di episodi di violenza parallelamente all’espandersi delle aree influenzate dal conflitto armato, ulteriore fattore di rischio per la popolazione già in difficoltà.

LEGGI ANCHE