L’Iftar a INTERSOS24: momenti di condivisione per creare legami tra minori e quartiere

Coreis (Comunità Religiosa Islamica) ha voluto condividere l’Iftar, il momento di rottura del digiuno quotidiano durante il Ramadan, a INTERSOS24 per creare un’occasione di convivialità tra gli ospiti del centro e i giovani del quartiere.

 

Da alcuni anni COREIS ha avviato un percorso di assistenza e sostegno agli immigrati musulmani per favorire non solo l’insegnamento della lingua italiana e l’accompagnamento alla cittadinanza italiana, ma anche la sensibilizzazione al patrimonio spirituale e culturale dell’Islam nel dialogo interreligioso e interculturale.

Dopo Ventimiglia e Palermo è la terza volta che viene organizzata in un centro INTERSOS questa cena di scambio e confronto.

L’evento è un iniziativa all’interno del progetto “114 pizza e dolci”: il numero 114 rappresenta i capitoli del Corano, la pizza è stata scelta perchè è un alimento simbolico di integrazione nella società e cultura italiana, i dolci perchè sono una naturale conclusione del pasto e rimandano al conforto spirituale.

“Hanno partecipato molti giovani del quartiere di Torrespaccata” – riporta la coordinatrice dll’ambulatorio medico INTERSOS24 AntonellaTorchiaro  – “condividere il momento del pasto è uno degli aspetti che rendono un gruppo sociale unito”.

Quello che si fa insieme, unisce, crea legami fondati sulla condivisione delle esperienze.

E in quest’ottica, questa cena è stata rivolta non solo ai migranti o ai rifugiati di origine musulmana ma anche a coloro che hanno voluto  condividere, conoscersi e aprirsi.

 “Siamo contenti di aver ospitato un’altra iniziativa che aperto il nostro centro di accoglienza e salute solidale al quartiere. E’ stato un altro momento che ci ha avvicinato ancora di più agli abitanti di Torre Spaccata che hanno voluto condividere, conoscere e aprirsi ai piccoli ospiti del nostro centro”.

Mariangela
Mariangela

ULTIME NOTIZIE