Indonesia: team medico INTERSOS nelle zone più isolate

Raggiungere le aree più remote colpite dal terremoto e dal successivo tsunami che il 28 settembre hanno devastato l’isola di Sulawesi, in Indonesia, per garantire assistenza alle persone ancora isolate dagli aiuti umanitari: è questo l’obiettivo principale del team mobile attivato da INTERSOS nella città di Palu e nei distretti circostanti.

L’intervento del team mobile di INTERSOS, attraverso appositi kit medici arrivati via aerea si concentra su persone rimaste ferite durante il terremoto, bambini e donne incinte. In particolare in questi giorni sono stati raggiunti tre dei distretti più pesantemente colpiti e tuttora isolati dagli aiuti – il distretto di Sigi, zona interna a Sud di Palu devastata dal terremoto, e quello di Donggala sulla costa a nord est di Palu, pesantemente colpito dallo tsunam e Sibalaya Utala  dove il nostro team sta facendo consultazioni di assistenza medica primaria.

La città di Palu, dalla linea della costa fino a 300 metri all’interno è rasa al suolo. Nelle zone colpite mancano elettricità, carburante, acqua potabile e cibo sufficiente. Nei campi tendati allestiti dagli sfollati mancano servizi igenici. I collegamenti via terra sono problematici a causa dei danni subiti dalla rete viaria e da problemi di sicurezza che hanno portato al saccheggio di numero convogli di ONG locali.

Oltre 2mila il numero di morti secondo l’ultimo conteggio ufficiale, ancora in aggiornamento, con un numero ancora imprecisato di persone disperse, circa 5mila secondo stime, tra cui 2mila bambini. Gli sfollati oltre 80mila. Il numero di persone colpite dal sisma e bisognose di aiuti umanitari raggiunge 1,5 milioni, secondo le stime della Croce Rossa Internazionale.

Ufficio Comunicazione
Ufficio Comunicazione

ULTIME NOTIZIE

ISCRIVITI