Emergenza COVID-19 in Yemen | Ultime News dal Paese

YEMEN

L’INTERVENTO DI INTERSOS

 

Tutti i centri di protezione sono attivi e funzionanti, ma con attive le misure di sicurezza come gli accessi limitati a poche persone. Le strutture sanitarie funzionano normalmente. Le cliniche mobili continuano a lavorare soprattutto nelle aree di concentrazione degli sfollati interni. Per evitare assembramenti, il nostro personale sta lavorando attraverso sessioni individuali, facendo distribuzioni casa per casa e aumentando le visite ai casi di protezione critici. Il personale sta inoltre sviluppando attività di supporto psicosociale domiciliare. Le misure di prevenzione e i messaggi di sensibilizzazione sul COVID-19 sono applicati trasversalmente e integrati in tutta la programmazione. Sono in corso attività di trasporto d’acqua con cisterne e clorazione delle acque, e la promozione dell’igiene è stata adattata a sessioni individuali/casa per casa.

HIGHLIGHTS

301

lavoratori sanitari formati su prevenzione e trattamento del coronavirus

20

strutture sanitarie supportate

CONTESTO

 

Il rischio di una maggiore diffusione del COVID-19 è nelle aree più popolate come Aden, Hadramawt e Sana’a. Lo Yemen non dispone attualmente di scorte sufficienti di dispositivi di protezione individuale dal COVID-19. Scanner, termometri, ventilatori e monitor sono sempre più difficili da trovare sul mercato. Il settore sanitario in Yemen non è pronto per far fronte a questa situazione. Non ci sono abbastanza test disponibili e mancano le forniture complessive di laboratorio. Vengono segnalati solo alcuni casi di contagio e si verifica un calo delle persone che frequentano le strutture sanitarie. Forti piogge ad aprile hanno portato a inondazioni, diffusione di colera, sfollamenti, gravi danni alle infrastrutture e vittime. Il 45% della popolazione yemenita non ha accesso all’acqua, in particolare gli sfollati interni nei siti di insediamento informale. La crisi del carburante in corso continua a minacciare l’accesso a cibo, operazioni ospedaliere e approvvigionamento idrico, che sono tutte dipendenti dal carburante e cruciali per prevenire la trasmissione del virus. La situazione politica potrebbe portare a ulteriori complicazioni visto che gli scontri e gli attacchi aerei continuano. I movimenti tra Nord e Sud del Paese sono limitati e difficili.

LEGGI ANCHE