Le inondazioni stanno
devastando la Somalia: 370 mila
persone hanno perso tutto!

La Somalia da giorni è colpita da forti inondazioni. Al momento sono 370.000 le persone sfollate.

Le inondazioni hanno travolto una vasta area del paese, provocando piene improvvise ed esondazioni di fiumi, e costringendo migliaia di persone alla fuga in cerca di rifugio.
 

L’intensità delle inondazioni ha causato la distruzione di terreni agricoli, infrastrutture e strade, rendendo impossibile in alcune delle aree l’accesso ai mezzi primari di sussistenza, a cominciare dall’acqua pulita e dal cibo.
 

Gli operatori umanitari INTERSOS stanno portando aiuti e assistenza alle persone sfollate nella città di Berdale, situata nella regione di Bay, dove si registrano attualmente circa 7 mila famiglie sfollate, più di 40 mila persone.  Stiamo distribuendo beni di prima necessità, come rifugi d’emergenza, kit igienici e medicinali per prevenire la diffusione di epidemie a causa delle cattive condizioni igieniche.  
 

Le autorità competenti temono il rischio di nuove piogge e successive inondazioni nell’Africa Centrale. Le organizzazioni umanitarie operative sul territorio continuano a ricevere segnalazioni di spostamenti di persone verso il nord con conseguente aumento della già vasta richiesta di ripari d’emergenza, cibo, medicinali, acqua potabile, latrine e zanzariere.

Donazione singola

fai la tua donazione

€ 25

COPERTE TERMICHE

 

Coperte termiche per proteggere dall’acqua e dal freddo 8 persone

DONA ORA
€ 60

KIT IGIENICI

 

4 kit composti da sapone, asciugamani, secchi per l'acqua, dentifricio e spazzolini per una famiglia

DONA ORA
€ 110

RIPARO D’EMERGENZA

 

Riparo di emergenza per una famiglia

DONA ORA
SCEGLI TU QUANTO DONARE

370.000 sono le persone sfollate in Somalia per l’emergenza inondazioni.

4,2 milioni di persone in Somalia, circa un terzo della popolazione, vivono solo grazie agli aiuti umanitari.

INTERSOS sta distribuendo beni di prima necessità, rifugi d’emergenza, kit igienici e medicinali per prevenire la diffusione di epidemie alle persone sfollate nella città di Berdale, situata nella regione di Bay, dove si sono rifugiate circa 7 mila famiglie, più di 40 mila persone.

Per ogni 100€
spesi dall'organizzazione

93€
vanno alle attività progettuali

6€
alla copertura dei costi generali organizzativi

1€
alla raccolta fondi