Fondazioni e INTERSOS in prima linea nelle emergenze umanitarie

CON LE FONDAZIONI

PER CRESCERE INSIEME

Sono molte le Fondazioni nazionali ed internazionali che nel corso del tempo hanno sostenuto le attività di INTERSOS in Italia e all’estero.
Le Fondazioni possono sostenere INTERSOS in forme diverse, secondo le proprie particolarità: dal finanziamento diretto di un progetto in una specifica area di intervento alla consulenza manageriale, dal volontariato aziendale allo sviluppo di strumenti utili a migliorare l’impatto delle nostre attività umanitarie. Ognuno dei percorsi intrapresi genera un valore sociale positivo che contribuisce alla causa umanitaria.

Impatto sociale

Sviluppo di strumenti

Finanziamento diretto

Consulenza manageriale

Tra le Fondazioni sostenitrici e INTERSOS nasce uno scambio: le Fondazioni hanno l’opportunità di portare aiuto in prima linea in contesti di emergenza, INTERSOS, oltre a ricevere un sostegno diretto, ha la possibilità di confrontarsi
con realtà dagli elevati livelli tecnologici e gestionali che danno nuovi stimoli ai propri progetti.

Il punto d’incontro delle collaborazioni nasce dalla condivisione dei valori umanitari e dalla volontà di avere insieme un ruolo attivo e concreto nel portare aiuto alle persone in pericolo, vittime di guerre, violenze e disastri naturali. Da questo scambio scaturisce una crescita reciproca.

UN GRAZIE SINCERO
A CHI HA GIÀ SOSTENUTO INTERSOS

Nel 2019 la Kahane Foundation ha sostenuto le attività del Centro INTERSOS24 per la protezione dei minori stranieri e neo maggiorenni. Nel 2018 la Fondazione ha sostenuto la Clinica Mobile di INTERSOS nella provincia di Foggia, per offrire assistenza sanitaria ai lavoratori agricoli dell’area.

La Fondazione NEPF ha sostenuto dal 2014 ad oggi il Centro notturno A28 di Roma per Minori stranieri non accompagnati in transito. Dal 2017 sostiene la crescita del Centro A28, evoluto in InterSOS24. Inoltre nel corso del 2017 ha sostenuto con un piano straordinario la nostra risposta all’emergenza carestia in Sud Sudan.

Attraverso 8x1000 la Tavola Valdese ha sostenuto le nostre attività di educazione in emergenza nei campi profughi del Sud Sudan nel 2015, un progetto di supporto socio- sanitario a favore dei rifugiati bloccati in Grecia dal 2016, e  contemporaneamente il Centro A28 per MSNA di Roma. Nel 2017 la Tavola Valdese ha sostenuto l’apertura del Centro di cure primarie e accoglienza INTERSOS24 di Torre Spaccata a Roma, il programma di protezione della violenza contro le donne nella Repubblica Democratica del Congo e in Libano il programma per il miglioramento delle infrastrutture e delle condizioni igienico sanitarie della comunità libanese e dei rifugiati siriani a Tiro.

Fondazione Ikea ha sostenuto INTERSOS arredando il Centro Notturno A28 per Minori Stranieri Non accompagnati di Roma nel 2011 e 2016. Nel 2017 ha scelto di essere ancora al fianco di INTERSOS finanziando l’arredamento del nuovo Centro InterSOS24 per Minori Stranieri soli di Torre Spaccata.

LDS Charities ha sostenuto nel 2017 e nel 2018 l’avvio delle attività del Centro InterSOS24 per Minori Stranieri Non accompagnati di Torre Spaccata, Roma.

La Fondazione PROSOLIDAR ha sostenuto INTERSOS, fornendo l’ambulatorio mobile della nostra Unità di Strada di Roma, per la protezione dei Minori Stranieri Non Accompagnati nel 2017.

8x1000 dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia ha sostenuto il Centro per Minori non accompagnati in transito di Roma nel 2016.

Nel 2019 ISP ha finanziato la clinica mobile di INTERSOS nella provincia di Foggia, per offrire assistenza sanitaria gratuita ai lavoratori agricoli dell’area. Il Fondo ha sostenuto nel 2018 l’Ambulatorio INTERSOS24 di Roma, nel 2017 ha contribuito alle attività dell’Unità Mobile di protezione dei Minori Stranieri non accompagnati (MSNA) a Roma, infine nel 2012 ha sostenuto il Centro di Accoglienza Notturno A28 per MSNA.

Open Society Foundation ha sostenuto le attività dell’Unità Mobile Migrazione con un progetto di monitoraggio e raccolta dati sui Minori Stranieri Non Accompagnati in Italia sui confini Nord nel 2017.

Fondazione Enel Cuore ha sostenuto i lavori di restauro per l’apertura del Centro Notturno A28 per Minori Stranieri Non Accompagnati in transito di Roma nel 2011.

Fondazione Johnson and Johnson ha contributo alla ristrutturazione del Centro InterSOS24 per Minori Stranieri Non accompagnati di Torre Spaccata di Roma, nel 2017.

Edmond J.Safra Foundation ha contribuito ai lavori di riabilitazione del nuovo Centro InterSOS24 per Minori Stranieri Non Accompagnati di Torre Spaccata, Roma, nel 2017.

Amaris Foundation ha sostenuto INTERSOS in Nigeria nel 2017 con un contributo alle attività di nutrizione nell’area di Bama, per il trattamento dei casi della malnutrizione acuta e severa.

Nel 2017-2018, ITO Supporting Comity ha sostenuto l’apertura del nuovo centro di cure primarie e accoglienza INTERSOS24 di Torre Spaccata a Roma, contribuendo nella ristrutturazione e nella fornitura degli strumenti tecnologici necessarie per le attività ricreative.

Medicus Mundi ha contribuito all’apertura dell’ambulatorio sociale INTERSOS24 grazie alla donazione in kind delle attrezzature mediche di base.

La Fondazione Monti Uniti di Foggia ha contribuito nel 2018 all’attività della Clinica Mobile di INTERSOS nella provincia di Foggia,in favore dei lavoratori agricoli.

La fondazione IBM ha sviluppato
un’applicazione per il progetto Mesoghios,
il poliambulatorio di INTERSOS a Crotone.

La Fondazione Cassa di Risparmio di
Calabria e di Lucania ha supportato le attività
del poliambulatorio Mesoghios nel 2015.

La Fondazione INTERCULTURA ha
contribuito al Centro per Minori non
accompagnati in transito di Roma nel 2016.

Infocamere ha sostenuto l’apertura del Centro Nottuno a28 di Roma per Minori Stranieri soli non accompagnati in transito nel 2011.

PER SAPERNE DI PIÙ

Eleonora Dutto: e-mail. eleonora.dutto@intersos.com tel. 06/85374330

ISCRIVITI